La dieta mediterranea è un prezioso alleato contro la sindrome metabolica, a cui sono associati una serie di disturbi tra cui l’obesità, l’ipertensione arteriosa, il colesterolo alto e il diabete. Ma secondo una ricerca della Harokopio University di Atene, diretta dal dottor Demosthenes Panagiotakos e pubblicata sul “Journal of American College of Cardiology”, la dieta mediterranea rappresenta un vero toccasana per la salute del nostro organismo.
La sindrome metabolica, una patologia scoperta negli anni Cinquanta, è conosciuta anche con il nome di insulinoresistenza, perché il sovrapeso e il grasso addominale in eccesso provocano un aumento della produzione di insulina.
I ricercatori hanno hanno analizzato i risultati di 50 studi realizzati in precedenza sull’alimentazione e la salute cardiovascolare. Gli esperti, hanno focalizzato la loro attenzione soprattutto sull’effetto della dieta mediterranea confrontandola con quelli di altri stili alimentari. In questo modo, è emerso come la dieta mediterranea, recentemente diventata anche patrimonio dell’umanità, sia in grado di ridurre la sindrome metabolica.
Come sottolineano gli esperti, non si tratta di un dettaglio trascurabile, perché un minor rischio di sindrome metabolica è sinonimo di una minore probabilità di obesità e di colesterolo alto, quindi di una minore esposizione al rischio di malattie cardiache e cardiovascolari.
Il dottor Panagiotakos ha concluso affermando che:
I nostri risultati aggiungono alle conoscenze esistenti, e dimostrano ulteriormente la funzione protettiva e il significato che i fattori dello stile di vita, e le abitudini alimentari, hanno quando si tratta dello sviluppo e la progressione della sindrome metabolica.
La dieta mediterranea, così, ricca di frutta e verdura, risulta nuovamente vincente per il benessere del nostro organismo.