Studi sui topi dimostrano che mangiare cibo spazzatura ad alto contenuto di grassi può in effetti cambiare il cervello, causando sintomi di ansia e depressione e vere e proprie sindromi da astinenza laddove se ne smetta l’assunzione. Insomma, droga in tutto e per tutto.

PARLA LA SCIENZA - Lo studio pubblicato sull’International Journal of Obesity da parte degli studiosi dell’università di Montreal, di cui ci parla Huffington Post, ha a che fare con i circuiti della ricompensa inseriti nel cervello. “I reagenti chimici cambiati da questa dieta sono associati alla depressione”, dice Stephanie Fulton, capo ricercatrice: “Un cambiamento di dieta causa dunque sintomi da rigetto e situazioni di stress, lanciando un circolo vizioso”. I ricercatori hanno utilizzato due gruppi di topi, uno alimentato con una dieta ad alto contenuto di grassi,  e un secondo gruppo che ha mangiato in maniera dietetica.

QUESTIONE DI ALIMENTAZIONE - I topi alimentati a grasso sono innanzitutto aumentati di peso, il che è comprensibile, “ma avevano anche un tasso maggiore di molecola CREB, nota per avere un ruolo nella produzione di dopamina, che promuove sintomi di ricompensa”. Il CREB è maggiore nel cervello dei topi con una dieta più calorica, “che hanno anche più alti livelli di corticosterone, un ormone associato con lo stress”, il che “spiegherebbe il ciclo di comportamenti negativi” da rigetto. Gene Bowman, dell’Università scientifica dell’Oregon, afferma che ormai “è chiaro che questi grassi fanno male a cuore e cervello. Raccomanderei alle persone stiano alla larga da questi nutrienti”.

a cura di http://www.giornalettismo.com/archives/658209/mangiare-ai-fast-food-ti-modifica-il-cervello/

Visita anche www.cymermed.eu il Portale Europeo d’informazione Medico Scientifica e Ricerca